Tomba Di Agamennone

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Tesoro di Atreo

Atreus-2.jpg

Il Tesoro di Atreo, detto anche Tomba di Agamennone, è una maestosa tomba a tholos situata nei pressi della Rocca di Micene, in Grecia. Storia Citata da Pausania, era ancora visibile nel 1879 quando l'archeologo tedesco Heinrich Schliemann scoprì le altre tombe reali sotto l'agorà nella Rocca. Fu edificata intorno alla metà del XIII secolo a.C. (quattro secoli prima dell'epoca presunta della Guerra di Troia) ed ospitò i resti forse del sovrano che portò a termine la ricostruzione della... — | approfondisci »

Micene

Treasure of Atreus.jpg

Schliemann colui che ritrovò grazie alla descrizione dei poemi omerici la città di Troia. Nel 1874 furono scoperte le tombe di alcuni re di Micene, insieme ai corredi funebri. Ulteriori analisi hanno stabilito che questi gioielli risalgono ai secoli XVI e XII a.C.. La città aveva una acropoli di forma triangolare, sulla quale sono rinvenibili la celebre porta dei Leoni, la tomba di Agamennone e il palazzo reale. Fra gli oggetti ivi rinvenuti, sono da ricordare anche sigilli, ceramiche e tavolette con... — | approfondisci »

Nuraghe Is Paras

Sardegna nuragica e seconda, per quel periodo, solo alla tomba di Agamennone. Il centro della camera è occupato da un pozzo circolare, mentre su una parete, in posizione sopraelevata, si trova l'accesso del vano scala per accedere ai piani superiori, i quali erano raggiungibili dal pianterreno probabilmente tramite una scala in legno. Successivamente, tra il secolo XIII e il XII a.C., fu aggiunta una torre più piccola, fu spostato l'ingresso ad est e poi creato un cortile tra le torri. Verso XI... — | approfondisci »

Architettura micenea

delle Colonne, situata a levante della rocca, dove il cortile centrale presentava colonne isolate su tre lati. Opera forse dello stesso sovrano, intorno alla metà del XIII secolo a.C. è anche il cosiddetto "Tesoro di Atreo" o "Tomba di Agamennone", una grande tomba a thòlos che ospitò i resti forse del sovrano che portò a termine la ricostruzione della rocca o di un suo vicino regnante. La tomba ripete la forma di altre tholoi del Mediterraneo orientali, presenti anche nei dintorni di Micene (circa... — | approfondisci »

Elettra (Euripide)

Elettra ('''''', Eléktra) è una tragedia di Euripide, rappresentata nel 413 a.C. circa. Non è chiaro se venne scritta prima o dopo l'omonima tragedia di Sofocle. Antefatto Anni prima, all'inizio della spedizione per la Guerra di Troia, il condottiero dei greci Agamennone sacrificò ad Artemide sua figlia Ifigenia per permettere alla flotta di salpare. Infatti per un'azione sacrilega del re, la dea stava trattenendo in porto la flotta con venti contrari. Sua moglie Clitennestra non dimenticò... — | approfondisci »

Maschera

Verona - maschera veneziana2.jpg

attestato a partire dall'Antico regno, sino all'Epoca Romana (I secolo d.C.). Le maschere funerarie compaiono anche nelle tombe regali Micenee (cfr. tomba di Agamennone) ed attraverso i fenici si diffondono nelle zone occidentali d'influenza punica. Nella Grecia arcaica e classica la maschera non conserva la sua più diretta funzione funeraria, non viene più deposta sul volto del cadavere, ma resta pur sempre legata alla sfera della morte, dell'ira degli dei (maschere rituali di divinità nel loro aspetto... — | approfondisci »

Orestea

Sarcophagus Orestes Vatican Inv2513.jpg

che si stia per instaurare un regime tirannico, e si allontana invocando il ritorno di Oreste. Coefore La seconda tragedia prende il nome dalle coefore, le portatrici di libagioni per i morti, che si recano sulla tomba di Agamennone. È il racconto di come Oreste, dieci anni dopo l’omicidio del padre Agamennone, torna ad Argo e, su ordine di Apollo, porta a compimento la propria vendetta dando la morte alla propria madre ed al suo amante. Trama Prologo (vv. 1-21): Oreste, tornato ad Argo, giunge... — | approfondisci »

Maschera di Agamennone

La Maschera di Agamennone è una maschera funebre in lamina d'oro rinvenuta nel 1876 a Micene da Heinrich Schliemann. È attualmente conservata presso il Museo archeologico nazionale di Atene. Fu scoperta dall'archeologo tedesco sul volto di un corpo trovato nella tomba V. Schliemann credette di aver scoperto i resti del leggendario re acheo Agamennone, da qui il nome. Benché le recenti ricerche archeologiche abbiano stabilito che la maschera si situa fra il 1.550 ed il 1.500 a.C., periodo molto... — | approfondisci »

Agamennone

Lekanis Agamemnon MNA Taranto.jpg

.3) Questo episodio di trova anche in Clemente di Alessandria (Protrepticus II.38.2) e in Stefano di Bisanzio (Kopai e Argunnos), con varianti minori. Le fortune di Agamennone hanno formato il soggetto di diverse tragedie, antiche e moderne, la più famosa delle quali è l Agamennone di Eschilo. Nelle leggende del Peloponneso, Agamennone era considerato come il tipo più alto di potente monarca, e a Sparta veniva venerato con il nome di Zeus Agamennone. La sua tomba venne individuata tra le rovine di Micene... — | approfondisci »

Le cronache di Narnia: il principe Caspian

Caspian - Trailer.png

. Molti non credono più in lui ma c'è ancora chi, come la piccola Lucy, ha "fede". Aslan infatti si mostrerà solo a lei di persona ed in sogno prima di risvegliare l'intera foresta con il suo ruggito. • Lo scudo di Peter che trova nella cassa di pietra nella sala del tesoro ricorda molto la maschera di Agamennone trovata dall'archeologo tedesco Heinrich Schliemann in una tomba vicino alla porta dei "Leoni" a Micene. • Vi sono inoltre molti parallelismi tra questo film e Il Signore degli Anelli: Le... — | approfondisci »

  • Titolo: Le cronache di Narnia: il principe Caspian
  • Titolo Originale: The Chronicles of Narnia: Prince Caspian
  • Anno Di Produzione: 2008
  • Paese: USA/Regno Unito
  • Durata: 144 min
  • Genere: avventura, fantasy
  • Regista: Andrew Adamson
  • Produttore: Mark Johnson, Philip Steuer, Andrew Adamson, Perry Moore, Douglas Gresham
  • Sceneggiatore: Andrew Adamson, Christopher Markus, Stephen McFeely
  • Attori: • William Moseley: Peter Pevensie *Ben Barnes: Principe Caspian *Anna Popplewell: Susan Pevensie *Skandar Keynes: Edmund Pevensie *Georgie Henley: Lucy Pevensie *Sergio Castellitto: Re Miraz *Alicia Borrachero: Regina Prunaprismia *Vincent Grass: Dr. Cornelius *Warwick Davis: Nikabrik *Pierfrancesco Favino: Lord Glozelle *Tilda Swinton: Strega bianca *Shane Rangi: Asterius *Peter Dinklage: Trumpkin
  • Didascalia: Caspian (Ben Barnes)