Rocce Granitiche

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Arcosa

L'Arcosa è una roccia clastica sedimentaria coerente, a grana grossolana, con frammenti spigolosi, del gruppo delle arenarie. le rocce arcose sono solitamente derivate dal disfacimento di rocce granitiche o gneissiche e da deposizione a breve distanza, in ambiente fluviale, lacustre o marino poco profondo. Sono composte da feldspati, poco quarzo, miche e granuli di roccia con cemento calcareo, siliceo o limonitico. Le rocce sedimentarie in cui la matrice detritica è tra lo 0% e il 15% e gli... — | approfondisci »

Autometasomatismo

Sotto il nome di autometasomatismo, sono descritti alcuni fenomeni di alterazione delle rocce. La composizione mineralogica e la struttura delle rocce granitiche possono essere modificate dopo la cristallizzazione dei minerali silicati, ad opera di residui fluidi costituiti essenzialmente da acqua allo stato di vapore supercritico o di liquido ad alta temperatura e da altre sostanze volatili. Questi fluidi sfuggono dalla massa solidificata, attraversandola e disperdendosi attraverso fessure... — | approfondisci »

Capo Testa

Capo di testa.jpg

Capo Testa è una penisola situata nel nord della Sardegna, a pochi chilometri da Santa Teresa di Gallura. Si affaccia sulle Bocche di Bonifacio ed è collegata alla terraferma da uno stretto istmo, lungo il quale si estendono due spiagge. Il promontorio è costituito da rocce granitiche erose dal vento. Capo Testa era utilizzata al tempo dei romani sia per la posizione strategica sia per approvvigionarsi del granito presente che veniva stratto e trasportato a Roma. Le colonne del Pantheon... — | approfondisci »

Aplite

Le apliti sono rocce appartenenti alla famiglia del granito. Si rinvengono in filoni di limitato spessore, proprio all'interno delle masse granitiche e nelle rocce incassanti presso il contatto. La loro genesi, proprio come le pegmatiti, avviene in seguito alla cristallizzazione dell'ultimo residuo liquido del magma. Struttura Le apliti hanno struttura microgranulare xenomorfa, di colore rosa pallido, in netto contrasto con la grana grossolana delle pegmatiti. Sono costituite essenzialmente... — | approfondisci »

Porfidi granitici

minerali: un'esatta determinazione può essere compiuta solo con l'analisi chimica. Queste rocce si trovano associate alle rocce granitiche, delle quali rappresentano varietà raffreddate dal magma in condizioni filoniane o subvulcaniche. Queste rocce non vanno confuse con i porfidi quarziferi che sono rocce effusive prodotte dalla solidificazione di un magma. Bibliografia • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004) • Le rocce e i loro costituenti - Morbidelli - Ed.Bardi (2005) • Minerali e... — | approfondisci »

Mera

Fiume Mera 2.JPG

, Mera in Italia. La particolare colorazione verde che le acque acquistano durante lo scorrere verso il Lago di Como è data dalla presenza di cristalli di silicio frutto della disgregazione delle rocce granitiche intrusive presenti nell'alveo del fiume. Curiosità Sino al 1858, anno in cui venne rettificato l'attuale letto del fiume Adda, il fiume Mera era un affluente dell'Adda nell'ultimo tratto prima del lago di Como. ... — | approfondisci »

Capo Ceraso

OlbiaCapoCeraso3.JPG

Molara e da Capo Coda Cavallo Rappresenta il limite nord dell’Area naturale marina protetta Tavolara - Punta Coda Cavallo ed è coperto da una vegetazione ricca delle principali varietà arboree della macchia mediterranea come il corbezzolo, l’olivastro, il leccio, la quercia da sughero, il lentischio, il cisto, l' erica che crescono rigogliosi tra le rocce granitiche color rosa. Alcuni insediamenti turistici sfruttano le bellezze del promontorio e della costa, principalmente rocciosa, ma... — | approfondisci »

Testa del Claus

la vallata sottostante (dal latino clausus). Dal punto di vista geologico, è composta da rocce granitiche. Ascensione alla vetta La via di salita più facile si origina dalla Bassa del Druos, facilmente raggiungibile sia dal lato francese (Isola 2000), sia da quello italiano (Rifugio Questa). Da quest'ultimo versante si può raggiungere direttamente la bassa della Lausa. La vetta si raggiunge dapprima su sentiero, poi per sfasciumi, quindi per un canale roccioso di II grado ed infine per cresta... — | approfondisci »

Cima d'Asta

Cima d Asta.jpg

La Cima d'Asta è la vetta principale del massiccio omonimo situato nel Trentino orientale, tra l'altopiano del Tesino e la Valle del Vanoi. Il gruppo montuoso è costituito da rocce granitiche e questo aspetto lo distingue dai vicini rilievi del Lagorai, costituiti soprattutto da porfidi. Vista tuttavia la contiguità geografica, il massiccio di Cima d'Asta è considerato da alcuni geografi un sottogruppo della catena del Lagorai. Il gruppo montuoso si presenta come una area montana estremamente... — | approfondisci »

Lamprofiri

. Spesso infatti le intrusioni granitiche non sono accompagnate da filoni di lamprofiri, e in altri casi i lamprofiri sono associati con rocce intrusive di composizione diversa dai graniti. Alcune varietà di lamprofiri sodici , come le camptoniti, sono associate anche con rocce appartenenti al gruppo dei basalti olivinici e dei loro differenziati: i lamprofiri potassici sono generalmente limitati alle regioni continentali con vaste estensioni di rocce granitiche. Secondo Norman Levi Bowen (1887... — | approfondisci »

Monadnock

nome derivi dal linguaggio Abenaki, dalle parole menonadenak ("montagna liscia") o menadena ("montagna isolata"). Il nome fu preso dal Mount Monadnock nel New Hampshire (USA) sudoccidentale. Il termine inselberg invece è di origine tedesca e significa "montagna isolata"; fu originariamente coniato per descrivere queste abbondanti forme osservate in Africa meridionale. Se il monadnock è di forma domica e formato da rocce granitiche o gneissiche è anche chiamato bornhardt. Formazione I monadnock si... — | approfondisci »

Metramo

Il fiume Metramo sorge dal monte Crocco, al confine tra le province di Vibo Valentia e Reggio Calabria, a circa mille metri di altitudine. Il suo bacino, nei riguardi della configurazione altimetrica, fino alla confluenza con fiume Potamo, nei pressi dell'abitato di Galatro, si presenta asprissimo e con ripidi pendici, è costituito da rocce granitiche prevalentemente poco o nulla permeabili, ed è pertanto soggetto ad un regime di tipo torrentizio con notevole rischio alluvionale. Dall... — | approfondisci »