Radici Avventizie

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Radice avventizia

In botanica, radici avventizie sono quelle radici che non si formano in strutture della radice primaria (es. fusto, foglie) dette radici fascicolate, ma da meristemi secondari. Formano il sistema radicale di molte Gramineae e spesso servono come ancoraggio a substrati spesso verticali (es. Edera, Ficus). Esse sono degli organi definiti eterotopici poiché si originano da luoghi diversi da quelli che gli sono propri. Radici avventizie sono presenti nelle: Monocotiledoni, Lycophyta, Isoetes... — | approfondisci »

Nanozostera noltii

Illustration Zostera noltii0.jpg

'acqua dolce. Descrizione= Simile alla Zostera marina ma ha foglie molto sottili (ha solo 3 nervature parallele) con un'incisione centrale asimmetrica sull'apice che la rende inconfondibile. I rizomi sono sottili e poveri di radici avventizie. Presenta all'interno delle foglie dei parenchimi aeriferi che le consentono di rimanere eretta per un fenomeno di galleggiamento. Bibliografia Collegamenti esterni ... — | approfondisci »

  • Nome: Nanozostera noltii
  • Specie: N.marina
  • Genere: Nanozostera
  • Famiglia: Zosteraceae
  • Classe: Liliopsida
  • Regno: Plantae

Lycopodiophyta

Lycopodium plant.jpg

La Lycopodiophyta o Lycophyta è una divisione delle piante vascolari Crittogame. Sono dette anche Licofite ed è composta da circa 1.000 specie. Le Licofite hanno un ciclo vitale aplodiplonte con alternanza di generazioni eteromorfiche in cui lo sporofito è predominante su gametofito. Sono piante con ramificazioni dicotomiche, in particolare dal rizoma sotterraneo si sviluppano da una parte le radici avventizie e dall'altra il fusto aereo. Le foglie sessili crescono a spirale direttamente... — | approfondisci »

  • Nome: Lycopodiophyta
  • Regno: Plantae

Hedera

Il genere Hedera della famiglia delle Apiaceae (già Araliaceae), comprende numerose specie, tra cui la comunissima Edera (Hedera helix) pianta lianiforme rampicante sempreverde, odorosa e velenosa, di altezza variabile da 50 cm a 15 m, comune nei giardini e nei nostri boschi dal mare al monte; ha fusti lignificati ramosi, aderisce facilmente al substrato grazie alle radici avventizie aggrappanti, raccolte in tipici fascetti, le foglie sono lungamente picciolate, coriacee, intere di colore... — | approfondisci »

  • Nome: Edera
  • Genere: Hedera
  • Famiglia: Araliaceae
  • Classe: Magnoliopsida
  • Regno: Plantae

Calamites

Calamites_stems.JPG

; di solito era alta circa 10 metri, ma in alcuni casi sembra che potesse raggiungere anche i 20. Un robusto rizoma sotterraneo, provvisto di radici avventizie su ogni nodo, era l’origine degli steli aerei. I rami e le foglie erano riuniti su fusti subaerei in verticilli formatisi sui nodi. Sottogeneri Il genere Calamites è suddiviso in cinque sottogeneri divisi sulla base delle caratteristiche dei resti fossili del midollo. Fossili La calamite fu descritta per la prima volta sulla base di... — | approfondisci »

  • Nome: Calamites
  • Genere: Calamites
  • Famiglia: Calamitaceae
  • Classe: Equisetopsida
  • Regno: Plantae

Philodendron

Philodendron01.jpg

Il Filodendro (Philodendron), è un genere delle Araceae originario delle zone tropicali del globo, il nome del genere è di origine greca e deriva da "Filos = amico" e "dendros = albero" che significa 'che ama l'albero', e sta ad indicare il portamento rampicante di alcune specie del genere. Comprende moltissime specie dal fusto ascendente, alte da 50 cm a 3 m ed oltre, talvolta rampicanti, con radici avventizie, foglie persistenti, cuoriformi più o meno acuminate, di grandi dimensioni... — | approfondisci »

  • Nome: Filodendro
  • Genere: Philodendron
  • Famiglia: Araceae
  • Classe: Liliopsida
  • Regno: Plantae

Magnoliopsida

Magnolia blossom.jpg

La classe delle Dicotiledoni (Magnoliopsida) comprende piante a fiore nel cui seme l'embrione è fornito di due cotiledoni, comprendono piante sia erbacee che legnose, generalmente provviste di un apparato radicale seminale con radici a fittone o talora fascicolate, a crescita continua, più o meno ramificate, con la presenza o meno di radici avventizie, la struttura primaria del fusto è eustelica con fasci collaterali aperti ad anello, con presenza di cambio cribro-vascolare e accrescimento... — | approfondisci »

  • Nome: Dicotiledoni
  • Classe: Magnoliopsida
  • Regno: Plantae

Meristema

Meristemo_apical_1.jpg

principali tipi di cambi secondari: Altri tessuti meristematici secondari non cambiali sono i meristemi avventizi e i meristemoidi. I meristemi avventizi sono responsabili della formazione dei tessuti cicatriziali e delle radici avventizie, che si originano dal fusto. I meristemoidi originano, ad esempio, le cellule stomatiche nell'ambito dell'epidermide. Utilizzi In appropriate condizioni di coltura, i meristemi apicali (soprattutto quello del fusto) possono svilupparsi e originare una pianta... — | approfondisci »

Oryza sativa

Koeh-232.jpg

. Caratteri botanici È una pianta erbacea, alta da 120 a 195 cm (può raggiungere anche i 5 metri di altezza) con radici avventizie e embrionali, le quali hanno la caratteristica di sviluppare dei parenchimi aeriferi, che permettono al riso di vivere in ambiente acquatico. Il fusto (detto culmo) presenta internodi cavi e nodi pieni e si sviluppa in maniera simile al frumento. Ha foglie di colore verde chiaro, a forma di guaina, lunghe parecchi centimetri e larghe due, con peli bianchi, corti e spessi; la... — | approfondisci »

  • Nome: Riso
  • Specie: O. sativa
  • Genere: Oryza
  • Famiglia: Poaceae
  • Classe: Liliopsida
  • Regno: Plantae

Ristagno idrico

'attività vegetativa. In generale il ristagno provoca una riduzione dell'attività respiratoria delle radici, a causa della minore disponibilità di ossigeno. Questa condizione può portare a conseguenze drastiche, come l'asfissia radicale, fino alla morte delle piante, oppure ad un progressivo deperimento in quanto la nutrizione minerale diminuisce o si arresta con conseguente arresto dell'accrescimento. Molte piante tendono ad emmettere nuove radici più superficiali o radici avventizie dal colletto. Lo sviluppo... — | approfondisci »

Lilium

UofSCentennialLilium.jpg

rinnovano tutti gli anni come succede solitamente nelle piante bulbose; solo i gigli di origine cinese e giapponese, alla ripresa vegetativa, formano un palco di radici avventizie sullo stelo sopra il bulbo a fior di terra, che contribuiscono alla nutrizione delle parti aeree. Le foglie generalmente lanceolate, più o meno strette con venature parallele, sono disposte attorno al fusto eretto, a volte in palchi, solitamente in ordine sparso. I fiori hanno sei tepali (tre petali e tre sepali petaloidi... — | approfondisci »

  • Nome: Giglio
  • Genere: Lilium
  • Famiglia: Liliaceae
  • Classe: Liliopsida
  • Regno: Plantae

Radice (botanica)

Wurzeln am Berghäuser Altrhein, Speyerer Auwald.JPG

opposti: il polo caulinare (che originerà il caule) e il polo radicale. Essi sono costituiti da cellule meristematiche che daranno origine rispettivamente al fusto e alla radice. Nel fusto si ha andamento geotropico negativo, nella radice positivo. Dall’attività dell’apice radicale si formerà la radice principale. Si definiscono radici avventizie quelle radici che non si formano in strutture della radice primaria (es. fusto, foglie), ma da meristemi secondari. Formano il sistema radicale di molte... — | approfondisci »