Nervi Cranici

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Nervi cranici

Nervi cranici.svg

I nervi cranici, o nervi encefalici, sono un gruppo di nervi che invece di avere origine dal midollo spinale, partono direttamente dall'encefalo. Descrizione Nell'anatomia umana ci sono dodici paia di nervi cranici pari e simmetrici, numerati con numeri romani in base alla loro origine apparente in senso rostrocaudale: 1. nervo olfattivo (I) , insieme al nervo ottico gli unici due diencefalici e sono in realtà delle estensioni del cervello stesso, poiché ricoperti da oligodendroglia e non... — | approfondisci »

Nervo oculomotore

Il nervo oculomotore costituisce il III paio di nervi cranici. È un nervo effettore, composto da fibre che conducono impulsi ai due muscoli intrinseci dell'occhio (lo sfintere dell'iride e il muscolo ciliare), e da fibre motrici somatiche, deputate alla innervazione dei muscoli estrinseci dell'occhio (il retto superiore, il retto mediale, il retto inferiore e l'obliquo inferiore nonché del muscolo elevatore della palpebra superiore). Ha la sua origine nel mesencefalo, nei due nuclei motori... — | approfondisci »

Nervo ipoglosso

Il nervo ipoglosso costituisce il XII paio di nervi cranici ed è un nervo esclusivamente motore, presente solo negli amnioti (rettili, uccelli e mammiferi). Origina in un nucleo situato nella parte dorsale del bulbo, emerge nel solco antero-laterale dello stesso come una serie longitudinale di radicole che confluiscono in due-tre tronchi e poi in un unico nervo che emerge dal cranio passando per il canale dell'ipoglosso. Lungo il suo decorso il nervo ipoglosso lascia numerosi rami laterali... — | approfondisci »

Nervo accessorio

Il nervo accessorio è unico fra i nervi cranici perché è dotato di radice spinale (che proviene dal midollo spinale), e una radice cranica (proveniente dal midollo allungato). Il nervo esce dal cranio attraverso il foro giugulare, e a quel punto le due radici si separano nuovamente per compiere le loro funzioni distinte. Le fibre provenienti dalla radice cranica si uniscono al grande nervo vago e proseguono per alimentare i muscoli del palato molle, della faringe, della laringe e dell... — | approfondisci »

Nervo faciale

Il nervo intermediofaciale o nervo facciale, costituisce il VII paio di nervi cranici e comprende due distinti nervi: • Il nervo faciale propriamente detto contiene fibre motrici somatiche (per i muscoli mimici ed altri derivati del secondo arco branchiale) • Il nervo intermedio (del Wrisberg) comprende fibre sensitive somatiche e viscerali che hanno una origine comune nel ganglio genicolato e si portano ai 2/3 anteriori della lingua e ad una ristretta area del padiglione auricolare, e... — | approfondisci »

Nervo olfattivo

Il nervo olfattivo fa parte del I paio di nervi cranici ed è esclusivamente di tipo sensitivo. La sua origine reale è a livello delle cellule olfattive della mucosa delle fosse nasali. Le sue fibre si raccolgono poi in fascetti di fibre amieliniche che si dividono in due gruppi: uno mediale e uno laterale. Quello mediale proviene dalla mucosa olfattiva che riveste il setto nasale; quello laterale dalla mucosa del cornetto nasale superiore. Attraversano entrambi la lamina cribrosa dell... — | approfondisci »

Occipitalizzazione

L'occipitalizzazione è una teoria che ipotizza un possibile sviluppo dei nervi cranici a partire dai nervi spinali. Si pensa infatti che ci sia stato nel corso dell'evoluzione un inglobamento da parte della porzione occipitale encefalica di somiti, notocorda e tubo neurale. Tale teoria si avvale sostanzialmente di quattro osservazioni: • origine embrionale del neurocranio • estensione della notocorda a livello della sella turcica • omologia tra nervi cranici e radici dorsale e ventrale del... — | approfondisci »

Schwannoma

Schwannoma, detto anche neurinoma, è un tumore benigno originato dalle cellule di Schwann dei nervi cranici e spinali. A livello spinale, il neurinoma cresce all'interno della dura madre ed è uno dei tumori extra-midollari più frequenti. La terapia è chirurgica, sono possibili recidive. Un altro possibile approccio terapeutico è la radiochirurgia stereotassica. All'indagine immunoistochimica risulta positivo alla proteina S-100. ... — | approfondisci »

Sistema nervoso parasimpatico

Il sistema nervoso parasimpatico è una parte del sistema nervoso autonomo. Il nervo vago, il X paio di nervi cranici, ne costituisce l'asse portante. Funzioni Ha le seguenti caratteristiche: L'innervazione parasimpatica predomina su quella simpatica nelle ghiandole salivari, lacrimali e nel tessuto erettile (corpi cavernosi e spongiosi di pene e clitoride). Voci correlate ... — | approfondisci »

Nervo abducente

Il nervo abducente costituisce il sesto paio di nervi cranici e con l'oculomotore e il trocleare contribuisce al controllo della muscolatura estrinseca dell'occhio. Le fibre motrici somatiche originano dal nucleo del nervo abducente, localizzato nella calotta del ponte, sotto il colliculus facialis del pavimento del quarto ventricolo. Il nervo abducente contiene inoltre un piccolo contingente di fibre sensitive somatiche che trasportano stimoli propriocettivi dal muscolo retto laterale... — | approfondisci »

Nervo trigemino

Il nervo trigemino è il V paio di nervi cranici. È un nervo misto somatico costituito prevalentemente da fibre sensitive somatiche e da un piccolo contingente di fibre motorie. Queste due componenti emergono direttamente dal nevrasse come due radici distinti: la radice sensitiva, più voluminosa, mette capo al ganglio semilunare del Gasser; la radice motrice, più piccola, passa al di sotto del ganglio medesimo e si unisce alla terza branca trigeminale. • La componente sensitiva raccoglie... — | approfondisci »

Riflesso faringeo

Il riflesso faringeo o della deglutizione è un riflesso dei nervi cranici dovuto alla contrazione dei muscoli faringei in risposta ad uno stimolo portato sulla superficie muscosa alla base della lingua. Ha lo scopo di evitare che nella gola entrino oggetti diversi da quelli normalmente previsti nella deglutizione, per prevenire il soffocamento. Toccare il palato molle provoca un forte riflesso faringeo nella maggior parte delle persone. Il riflesso faringeo può essere usato anche per indurre a... — | approfondisci »