Merli Guelfi

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Merlo (architettura)

Creneau.romain.png

'occorrenza essere scalzati precipitando sugli assedianti che tentavano la scalata alle mura o che si assiepavano dinnanzi alle porte. Nell'edilizia medievale si distinguono tradizionalmente i cosiddetti merli guelfi o ghibellini. • I merli guelfi hanno la sommità squadrata • I merli ghibellini hanno la sommità "a coda di rondine". L'uso della merlatura nell'epoca delle armi da fuoco divenne puramente decorativo, ed ebbe un revival nell'Ottocento nel periodo romantico-neogotico. Altri progetti ... — | approfondisci »

Cis (Italia)

terminante in 5 merli guelfi rovesciati, bordato e frangiato d'argento. Amministrazione Evoluzione demografica Collegamenti esterni ... — | approfondisci »

Morsasco

Morsasco (in piemontese Morzasch) è un comune di 687 abitanti della provincia di Alessandria. Situato nel Monferrato a 328 metri s.l.m., dista circa 12 km da Acqui Terme. Stemma Lo stemma è un castello con merli guelfi, su campo azzurro, come dal regolamento comunale: "Art. 6 Stemma e gonfalone 1. Il Comune negli atti e nel sigillo si identifica col nome Morsasco e con lo stemma. Tale stemma, concesso con D.P.R. 01/02/1957, è così raffigurato: D’azzurro, al castello d’argento, murato... — | approfondisci »

Palazzo Panciatichi o del Balì

Palazzo del balì.jpg

conservano ancora alcuni merli guelfi che originariamente coronavano tutti i lati del palazzo. La particolarità più evidente del palazzo è costituita dalle sue grandi finestre a crociera che scandiscono le facciate con partizione elegante e regolare e che costituiscono una vera e propria eccezione nell’architettura toscana italiana della prima metà del secolo XIV. Tale tipologia di finestre è piuttosto presente nell’architettura gotica francese e, ancor più raramente in Valle d'Aosta. Le... — | approfondisci »

Torre del Salinello

inclinate a piramide, ciascuna è coronata da quattro robusti beccatelli e tre caditoie; probabilmente in origine erano sormontate da merli guelfi. Nello spessore delle mura è ricavato un pozzo. È stata restaurata negli anni novanta e si presenta in buone condizioni, un precedente restauro risale agli anni venti. Torre del Tordino Vicino alla foce del Tordino, a sud del centro di Giulianova Lido, circa 500 m ad est dei ponti della ferrovia, ci sono i ruderi del basamento di un'altra torre costiera che... — | approfondisci »

Torre della Vibrata

, ciascuna è coronata da quattro robusti beccatelli e tre caditoie; probabilmente in origine erano sormontate da merli guelfi. Storia Nel XVI secolo crebbe la minaccia di incursioni da parte dei Saraceni, che furono particolarmente intense nell'estate del 1556 quando all'Abruzzo furono risparmiate le terribili devastazioni subite dalle coste italiane solo grazie alle difese ed al sistema di punti d'avvistamento predisposte dal Duca d'Atri Giovan Girolamo D'Acquaviva. Di conseguenza, poco tempo dopo il... — | approfondisci »

Castello di Breno

metri e coronata in origine di merli guelfi, e la casatorre. Già attorno al 1250-1300 l'intera collina doveva esser cintata da una fortificazione, a cui si accedeva da una torre-porta. I palazzi civili vennero trasformati dai signori milanesi in roccaforti militari, destinata al comandante e alle sue guarnigioni, e si modificarono i merli guelfi in ghibellini. 1350 - 1450: scontri tra i veneziani ed i milanesi per la conquista della valle. È databile in questo periodo una fossa comune contenente... — | approfondisci »

Rapagnano

trovati reperti romani e preromani. Nel medioevo è stato un castello alle dipendenze di Fermo. Dichiaratamente filopapale come dimostrano i merli guelfi dei suoi torrioni, si trovò spesso in contrasto con Montegiorgio. Intorno al 600-700 un terremoto ha costretto il paese ad una ricostruzione con l'ampliamento della piazza e la ricostruzione di alcune chiese e del palazzo comunale. Religione A Rapagnano è conservata in un prezioso reliquiario la mano destra di San Giovanni Battista. Evoluzione... — | approfondisci »

  • Comune: Rapagnano
  • Provincia: FM
  • Regione: MAR
  • Prefisso: 0734
  • Denominazione Abitanti: rapagnanesi
  • Superficie: 12,49
  • Altitudine: 314
  • Patrono: San Giovanni Battista
  • Sito web

Montecchio Vesponi

distanza. Le sue mura, intervallate da 8 torricelle, si sviluppano per un perimetro di 263 metri, entro cui svetta il mastio, attualmente residenza privata. Le mura, dai merli guelfi, presentano ancor oggi al loro interno i segni delle abitazioni contadine e, tra gli oliveti circostanti, sorgono i resti di alcune casupole del "Borgo", nei secoli passati abitate da poveri agricoltori in epoca medievale. Immagini varie Bibliografia Collegamenti esterni • Pagina dedicata al castello da Castelli... — | approfondisci »

Porta Settimiana

Trastevere - porta Settimiana 1525.JPG

destra del fiume, la porta Settimiana venne inglobata al loro interno e perse così ogni ruolo sia militare che di accesso. L’ultimo intervento di ristrutturazione venne operato da papa Pio VI nel 1798, in cui venne conservato quell’aspetto militaresco difficilmente comprensibile per una porta ormai inserita all’interno di un quartiere cittadino, con il mantenimento, tra l’altro, dei merli guelfi che già all’epoca di papa Borgia non avevano più molta ragione di esistere. Note Bibliografia... — | approfondisci »

Castello Monforte

finestre, poche e quadrate, sono piccole tanto che si confondono con le feritoie. Svetta in alto una grande torre rettangolare che attualmente ospita la Stazione meteorologica di Campobasso dell’Aeronautica Militare, questa essendo posta a 808 m s.l.m. è una delle più alte d'Italia. Alla sommità delle mura vi è una lunga sequenza di merli guelfi. Al di sopra dell’attuale ingresso, prospiciente un ampio piazzale, vi è lo stemma dei Monforte composto da una croce contornata da quattro rose. L’interno del... — | approfondisci »

Palazzo comunale (Siena)

Simone Martini 015.jpg

Il Palazzo Comunale di Siena (detto anche Palazzo Pubblico) è il palazzo costruito dal governo della Repubblica di Siena agli inizi del XIV secolo come sede del Governo dei Nove della città toscana. GRAVI ERRORI SINTATTICI: RIVEDERE Il Palazzo Pubblico di Siena sorge sulla piazza del Campo ed è affiancato dalla snella Torre del Mangia. Venne costruito tra il 1298-1310. In questa costruzione non è usata la pietra, ma il mattone. Gli elementi bianchi sono in marmo. Sono presenti merli guelfi... — | approfondisci »