Istinto Di Conservazione

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Sacra virginitas

, l'istinto sessuale, non è un elemento fondamentale dell'esistenza umana: è l'istitinto di conservazione, facendo riferimento a San Tommaso, che riveste l'esistenza umana. Citando San Tommaso nell'Enciclica, Pio XII, enucleando la differenza fra istinto sessuale e istinto di conservazione, pare dimentichi che i sovracitati istinti siano relazionati fra loro, in quanto il secondo sia conseguenza diretta del primo. Infatti non vi è consevazione dell'umanità se non vi è l'opportuna riproduzione... — | approfondisci »

Oikeiosis

Oikeiosis (dal greco οικεῖος) è un termine introdotto dai filosofi stoici (ca. 300 a.C.) per indicare la realizzazione, il fine ultimo degli esseri viventi. Secondo gli stoici è la conoscenza del proprio io, tramite la synaesthesis, ovvero la percezione interna. Grazie a questa conoscenza di sé, nasce l'istinto di conservazione che consente lo sviluppo del proprio essere. Questa conoscenza di sé è accompagnata dal senso piacevole di compiacimento ovvero l oikeiosis. Grazie all... — | approfondisci »

Hemichromis fasciatus

Hefas u0.gif

. La prepotenza unita all'istinto di conservazione è molto forte e spesso questi caratteri costituiscono un pericolo per la specie stessa o una forma di autocontrollo in mancanza di nemici naturali. Tutte e tre le specie appartenenti al genere (H. fasciatus, H. elongatus e H. frempongi) possono essere definite solitarie. Fino al raggiungimento della maturità sessuale esse vogliono ottenere tutto ciò che si può combattere o divorare. Persino esemplari della stessa covata, di taglia quasi uguale... — | approfondisci »

  • Nome: Hemichromis fasciatus
  • Specie: H. fasciatus
  • Genere: Hemichromis
  • Famiglia: Cichlidae
  • Classe: Actinopterygii
  • Regno: Animalia

Il primo cerchio

Solženicyn scrive «Il lupo ha ragione, il cannibale no!». Infatti nel lupo l'istinto di conservazione domina costantemente ogni manifestazione e la sopravvivenza è il risultato finale della costante lotta della bestia contro tutto quello che possa recarle danno. Se può essere opinabile l'applicazione dello stesso principio da parte dell'uomo, nel rapporto con la natura, è senza alcun dubbio da condannare la sua determinazione di applicarlo nel rapporto coi propri simili. A questo punto "l'uomo cannibale... — | approfondisci »

Noi due senza domani

regime d'occupazione. Differenze rispetto al romanzo La principale discrepanza con l'opera di Simenon riguarda il finale. Nel romanzo l'uomo è vinto da un misto di paura e istinto di conservazione e nega fino in fondo di conoscere Anna, lasciandola sola al suo destino. Collegamenti esterni ... — | approfondisci »

  • Titolo: Noi due senza domani
  • Titolo Originale: Le train
  • Anno Di Produzione: 1973
  • Paese: Francia/Italia
  • Durata: 95 min
  • Genere: drammatico
  • Regista: Pierre Granier-Deferre
  • Produttore: Raymond Danon
  • Sceneggiatore: Pierre Granier-Deferre, Pascal Jardin
  • Attori: • Jean-Louis Trintignant: Julien Maroyeur * Romy Schneider: Anna Küpfer * Maurice Biraud: Maurice * Régine: Julie * Nike Arrighi: Monique Maroyeur * Serge Marquand: l'uomo con i baffi * Paul Amiot: l'anziano * Jean Lescot: René * Roger Ibáñez: lo straniero * Anne Wiazemsky: la giovane madre * Paul Le Person: commissario * Jean-Pierre Castaldi: il sergente

Ganesha

Ganesha statue from Andra Pradesh.jpg

bhajan (canti devozionali) comincino con una invocazione a Ganesha, Signore del "buon inizio" dei canti. È inoltre associato con il primo chakra, che rappresenta l'istinto di conservazione e sopravvivenza, la procreazione ed il benessere materiale. Attributi corporei Ogni elemento del corpo di Ganesha ha una sua valenza ed un suo proprio significato: • la testa d'elefante indica fedeltà, intelligenza e potere discriminante; • il fatto che abbia una sola zanna (e l'altra spezzata) indica la... —

Le 120 giornate di Sodoma

tenera età, trovando una prima applicazione nell'assassinio della madre e della sorella da lui attuati per evitare di dover spartire con esse l'immensa eredità paterna. Innumerevoli altri atti infami hanno accompagnato la sua esistenza: ciononostante egli è un personaggio codardo e vile nei momenti di difficoltà e pericolo, una caratteristica questa che egli stesso tuttavia giudica positivamente reputandola un sentimento naturale e legittimo, frutto dell'istinto di conservazione. • Il Presidente... — | approfondisci »

Aleksandr Aleksandrovič Alechin

Alekhine_Capablanca_1927.jpg

«istinto di conservazione» che lo porta a semplificare il gioco senza trarre alcun vantaggio dall'apertura. Nel medio gioco, Capablanca ha una rapidissima capacità di giudizio, cosicché se le sue scelte appaiono buone, tuttavia non sono sempre le migliori: la fiducia in se stesso lo conduce a non approfondire e a non scoprire tutte le possibilità offerte dalla posizione. Alechin sostiene che nemmeno nel finale - fase della partita nella quale si giudicava il cubano impeccabile - egli era insuperabile... — | approfondisci »

  • Nome: Aleksandr Aleksandrovič Alechin
  • Nazionalità: russo
  • Data Di Nascita: 31 ottobre 1892
  • Luogo Di Nascita: Mosca
  • Attività: scacchista
  • Inoltre: (anche noto come Alexandre Alekhine secondo la grafia francese), Grande Maestro e uno dei più grandi campioni del mondo di scacchi

L'uomo nel labirinto

cinquant'anni in una società in cui è possibile arriva a centosessanta). Viene scelto da Boardman per accompagnarlo su Lemnos: si tratta della sua prima missione diplomatica. Trama Sono passati ormai nove anni da quando il diplomatico ed esploratore Richard Muller ha abbandonato la Terra, dopo l'esito traumatico della sua storica missione di primo contatto su Beta Hydri IV, e si è autoesiliato sul pianeta disabitato di Lemnos dove un innato istinto di conservazione, la fortuna, la rassegnazione e un... — | approfondisci »

  • Il popolo sardo, come i popoli venuti ultimi alla civiltà moderna e già fattisi primi, ha da rivelare qualcosa a se stesso e agli altri, di profondamente umano e nuovo. (da L'avvenire della Sardegna, Il ponte, ottobre 1951)
  • La tragedia, spesso, non è nel battersi ma nel non potersi battere. (2002, p. 98)
  • La violenza più forte può trionfare della violenza più debole, non del raccoglimento e della tenacia. (2002, p. 104)

Berserk (manga)

trovare vendetta. La storia, inizialmente horror ma via via arricchita di elementi del genere fantasy, esplora il meglio ed il peggio della natura umana. Le tematiche principali sono l'illusorietà del libero arbitrio, il destino dell'uomo, l'istinto di conservazione, l'onnipresenza del male. Tanto l'anime quanto il manga sono noti per la grande violenza delle scene. Trama Il protagonista è Gatsu detto il "guerriero nero". Gatsu nasce dal corpo di una donna morta, impiccata ad un albero a seguito di... — | approfondisci »

Orgone

un istinto di conservazione della specie che spinga gli esseri viventi ad accoppiarsi, avendo come meta la riproduzione: secondo la teoria dell'orgone il vero scopo del processo sarebbe la più contingente necessità di conservare il proprio equilibrio energetico e quindi le proprie funzioni biologiche. Reich attribuiva le nevrosi e tutte le conseguenze fisiche ed energetiche delle stesse all'insoddisfazione orgastica dovuta al fatto che l'energia in eccesso non fosse scaricata completamente. I... — | approfondisci »

Stanley Kubrick

perversione di un uomo che perde la testa per una ragazzina, innamorandosene realmente e mandando all'aria il suo matrimonio per poi perdere ogni cosa. Lo splendido pamphlet (poco più di un'ora e mezzo di film) Il dottor Stranamore indaga sornione sull'ambivalenza dell'istinto di conservazione dell'Uomo, perfettamente a suo agio fra sopravvivenza e sterminio degli altri. Arancia meccanica capovolge questo schema mostrando quanto anche nell'insanabile buonismo di una distopica società moderna è... — | approfondisci »

  • Nome: Stanley Kubrick
  • Nazionalità: statunitense
  • Data Di Nascita: 26 luglio 1928
  • Luogo Di Nascita: New York
  • Attività: regista
  • Inoltre:  naturalizzato britannico, considerato tra i maggiori cineasti del XX secolo