Ipotesi Nebulare

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Origine ed evoluzione del sistema solare

Protoplanetary-disk.jpg

teorie sull'origine e sul destino del sistema solare. Formazione iniziale L'ipotesi nebulare L'ipotesi sull'origine del sistema solare che attualmente gode di maggior credito è quella della nebulosa, proposta inizialmente da Immanuel Kant nel 1755 e indipendentemente da Pierre-Simon Laplace . La teoria nebulare, come oggi viene chiamata, afferma che il sistema solare ha avuto origine dal collasso gravitazionale di una nube gassosa, la nebulosa solare. Si calcola che la nebulosa avesse un... — | approfondisci »

Édouard Roche

Nato a Montpellier, fu nominato professore presso l'università locale, dove insegnò nella Facoltà di Scienze a partire dal 1849. Roche compì uno studio matematico sull'ipotesi di Laplace sull'origine dei sistemi planetari (Ipotesi nebulare), e presentò i suoi risultati in una serie di pubblicazioni all'Accademia di Montpellier dalla sua nomina a professore fino al 1877. Le più importanti di queste riguardavano le comete (1860) e la già nominata ipotesi nebulare (1873). Egli si occupò dunque... —

  • Nome: Édouard Albert Roche
  • Nazionalità: francese
  • Data Di Nascita: 1820
  • Attività: astronomo

Carl Friedrich von Weizsäcker

riguardante questi ultimi, chiamata formula Bethe-Weizsäcker, e il processio ciclico della fusione nelle stelle. Nel 1944 ripropose l'ipotesi nebulare per la formazione del sistema solare, introducendo perfezionamenti che lo sviluppo del sapere aveva reso possibili dall'epoca di Laplace. Tale ipotesi è ora ritenuta la più probabile. Nel 1989 gli fu assegnato il Premio Templeton per i suoi contributi scientifici. Gli è stato dedicato un asteroide, 13531 Weizsacker. ... —

  • Nome: Carl Friedrich Freiherr von Weizsäcker
  • Nazionalità: tedesco
  • Data Di Nascita: 28 giugno 1912
  • Luogo Di Nascita: Kiel
  • Attività: fisico

Nebulosa solare

M42proplyds.jpg

In cosmogonia, la nebulosa solare è una nube gassosa (o disco di accrescimento) dalla quale si formano i sistemi planetari. L'ipotesi nebulare fu proposta da Immanuel Kant nel 1755, il quale ipotizzò che le nebulose ruotano lentamente, si condensano a causa della gravità, si appiattiscono ed infine si formano stelle e pianeti. Un modello simile fu proposto, nel 1796, da Pierre Simon Laplace. Il "ciclo di vita" della nebulosa che originò il Sole è più o meno simile a quello delle altre... — | approfondisci »

Disco protoplanetario

M42proplyds.jpg

fusione nucleare dell'idrogeno in elio, quando la stella raggiunge la completa stabilità della sequenza principale. A questo punto il vento stellare, emesso dalla stella neoformata, spazza via le zone più interne del disco, arrestando l'accrescimento della stella. Il disco protoplanetario più vecchio conosciuto ha un'età stimata di 25 milioni di anni. L'ipotesi nebulare sulla formazione di un sistema planetario descrive come i dischi protoplanetari diventino successivamente sistemi planetari. Le... — | approfondisci »

Venere nella fantascienza

dotato di un clima tropicale, quando non addirittura completamente oceanico. Secondo l'ipotesi nebulare di Laplace sulla formazione del Sistema solare i pianeti più esterni furono i primi a formarsi: anche per questo motivo nella fantascienza Venere fu spesso presentato come un pianeta più giovane della Terra, con una fauna ed una flora simili a quelle del Mesozoico terrestre. Nel 1918 il chimico e fisico Svante Arrhenius, decidendo che la copertura nuvolosa di Venere era necessariamente acqua... — | approfondisci »

Analogia dell'orologiaio

HookeFlea01.jpg

sempre più spiegazioni naturalistiche ai fenomeni naturali e abbandonato progressivamente le spiegazioni teleologiche. La posizione delle montagne, ad esempio, è oggi spiegata con la tettonica a placche, la struttura degli organismi biologici con la selezione naturale, l struttura del sistema solare con l'ipotesi nebulare, e così via. Storia Cicerone Cicerone (106 a.C. – 43 a.C.) ha anticipato l'analogia dell'orologiaio nella sua opera De natura deorum, (Sulla natura degli Dei), ii. 34 Cartesio... — | approfondisci »