Grotte Di Lascaux

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Grotte di Lascaux

Lascaux_plan.jpg

Le Grotte di Lascaux sono un complesso di caverne che si trova nella Francia sud-occidentale. Le grotte si trovano vicino al villaggio di Montignac, nel dipartimento della Dordogna. Nel 1979 le grotte di Lascaux sono state inserite nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, insieme alle altre grotte che si trovano nella valle del fiume Vézère. Nelle grotte si trovano esempi di opere di arte parietale risalenti al Paleolitico superiore: molte di queste opere vengono fatte risalire ad... — | approfondisci »

Grotte di Altamira

Altamira 4.jpg

Le Grotte di Altamira sono delle caverne spagnole famose per le pitture rupestri del Paleolitico superiore raffiguranti mammiferi selvatici e mani umane. Si trovano nei pressi di Santillana del Mar in Cantabria, 30 chilometri ad ovest di Santander. Queste grotte sono state incluse tra i Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1985. Nel 2008 il nome del patrimonio è stato modificato da "Grotte di Altamira" in "Arte rupestre paleolitica della Spagna settentrionale" in seguito all'aggiunta di 17... — | approfondisci »

Montignac (Dordogna)

Montignac è un comune francese di 3.023 abitanti situato nel dipartimento della Dordogna nella regione dell'Aquitania. Nei pressi di Montignac si trovano le grotte di Lascaux, uno dei più celebri esempi di arte rupestre preistorica e patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Evoluzione demografica Altri progetti ... — | approfondisci »

Dordogna

applicazione della legge del 22 dicembre del 1789, a partire dal territorio della provincia di Périgord. Le principali città, oltre al capoluogo Périgueux, sono Bergerac, Nontron, Sarlat-la-Canéda, Montpon-Ménestérol e Terrasson-la-Villedieu. Il territorio della Dordogna ospita più di un migliaio di castelli molto interessanti da un punto di vista storico e turistico. I più famosi sono: La valle di Vézère raccoglie numerose grotte: Lascaux, Eyzies, La Roque-Saint-Christophe, Rouffignac et Cro-Magnon... —

Ossido di ferro

pitture rupestri (come nelle grotte di Lascaux) utilizzarono questi tipi di pigmento. Numerose tradizioni artistiche fanno uso di questi pigmenti, ad esempio in Romagna è ancora diffusa la tradizionale "stampa a ruggine" su tessuti, effettuata con pigmenti formulati con ruggine impastata a farina e aceto. Ancora oggi sono utilizzati nelle formulazioni di coloranti, vernici e nelle formulazioni dei toner di stampanti e fotocopiatrici. I pigmenti del ferro (prodotti sinteticamente con un alto grado di... — | approfondisci »

La Dama Bianca

Weiße Dame Brandberg.JPG

la figura con l'arco come un "guerriero", e annotò nei suoi appunti che "lo stile mediterraneo ed egizio di queste figure è sorprendente". Nel 1929, gli appunti di Maack giunsero nelle mani dell'abate francese Henri Breuil, antropologo e archeologo (ricordato tra l'altro per i suoi ritrovamenti nelle grotte di Lascaux), che era in visita a Città del Capo. Sulla base dei disegni di Maack, Breuil osservò che il dipinto aveva forti analogie con alcune figure di atleti ritrovate a Cnosso, e suggerì... — | approfondisci »

Bhimbetka

Bhimbetka.JPG

altre simili regioni, famose per la presenza di arte rupestre risalente a migliaia di anni fa, come il Parco nazionale Kakadu in Australia, le grotte del popolo San nel deserto del Kalahari e le grotte di Lascaux in Francia. La scoperta Bhimbetka venne citato in registrazioni archeologiche per la prima volta nel 1888 come un sito buddhista, in base ad informazioni raccolte da adivasi locali. Alcuni decenni più tardi Vishnu Shridhar Wakankar, considerato il padre dell'archeologia rupestre indiana... — | approfondisci »

Grotta

Grotta di nettuno sardinien.jpg

umano delle grotte Le grotte furono il primo rifugio dell'uomo e alcune di esse restarono certamente a lungo sede di culti arcaici: si vedano le pitture rupestri paleolitiche nelle grotte di Lascaux e di Altamira, o i reperti di epoca minoica trovati nelle grotte dedicate al culto di Ilithias e in quelle di Arkalochori a Creta. L'architettura romana utilizzò volentieri le grotte naturali, adattate e antropizzate, per fini sia utilitari (piscicoltura) che estetico-religiosi, per il loro potere... — | approfondisci »

Epiteti ferini in Omero

'apparire della costellazione del Toro nel firmamento era collegato al sopraggiungere dell'equinozio di primavera, ovvero il tempo della fecondità, rappresentato dalla dea madre, che veniva detta “πὸθνια θερῶν”, signora delle belve. Quindi la resa dell'epiteto βωὸπις con "dai grandi occhi" fa svanire di colpo l'ultima traccia di più di diecimila anni di storia delle religioni arcaiche dell'uomo europeo: il toro celeste propiziatore della caccia era già nelle grotte mesolitiche di Lascaux e di Altamira. ... — | approfondisci »

Appaloosa

testimonianze di cavalli dal manto maculato sono antichissime. Nelle grotte di Lascaux e Perche-Merle in Francia sono rinvenute delle pitture rupestri che raffigurano cavalli macchiati risalenti a circa 18000 anni a.C.. Gli studiosi ipotizzano che questi potessero essere gli antenati dell’appaloosa ma secondo studi recenti le pitture rupestri potevano raffigurare anche semplici sogni o visioni. In seguito, fra il II e I millennio a.C. molte civiltà fra cui i Persia, i Cinesi e i Greci conoscevano questa... — | approfondisci »

Vézère

di resti fossili di ominidi. Queste grotte nel 1979 sono state dichiarate dall'UNESCO Patrimonio dell'umanità; le grotte più famose sono quelle di Lascaux. Sempre lungo il suo corso, vi sono imponenti falesie negli anfratti delle quali che hanno trovato riparo comunità preistoriche e, successivamente (sino ad arrivare al medioevo) altre comunità (come nel caso di La Roque Saint-Christophe). Altri progetti ... — | approfondisci »

Magdaleniano

parietali delle grotte di Altamira, Font-de-Gaume, Lascaux e Niaux. La cultura magdaleniana viene suddivisa, non unanimemente, in "magdaleniano antico" (I-III) "magadaleniano recente" (IV-VI) "magdaleniano terminale", o "aziliano", dal sito di Le Mas-d'Azil nei Pirenei francesi, secondo alcuni già nel Mesolitico. ... —