Ebraico Tiberiense

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Ebraico tiberiense

L'ebraico tiberiense è una tradizione di pronuncia orale per antiche parole in Ebraico, ed in particolare per l'ebraico del Tanach, cui fu data forma scritta dai testi masoretici nella comunità semitica a Tiberiade nel Medioevo, partendo dall VIII secolo . Questa forma scritta impiegava niqqudot (vocali) e segni di cantillazione, aggiunti alle lettere ebraiche. Sebbene l'uso dei simboli scritti risalga al Medioevo, la tradizione orale che essi riflettono ha radici molto più antiche. Il... — | approfondisci »

Aronne

GoldCalf.jpg

Il nome Aronne significa "portatore di martiri", ma forse potrebbe essere anche/oppure correlato al significato nella antica lingua egizia ("Aha Rw," "Leone Guerriero")... — | approfondisci »

  • Nome: Aronne
  • Inoltre: in ebraico אַהֲרֹן, trascritto in ebraico standard Aharon, in ebraico tiberiense è un personaggio della Bibbia, fratello di Mosè e primo sommo sacerdote del popolo ebraico

Leviatano

Destruction of Leviathan.png

Leviatano (' "contorto; avvolto", lingua ebraicaLivyatan, ebraico tiberiense') è il nome di una creatura biblica. Si tratta di un terribile mostro marino dalla leggendaria forza presentato nell'Antico Testamento. Tale essere viene considerato come nato dal volere di Dio. Le citazioni più importanti le possiamo trovare nei seguenti passi: Simbologia Dal punto di vista allegorico, il Leviatano rappresenta spesso il caos primordiale, la potenza priva di controllo, benché biblicamente sia... — | approfondisci »

Samuele (profeta)

Samuele (in lingua ebraica: שְׁמוּאֵל, ebraico trasdizionale: Šəmuʼel; ebraico tiberiense: Šəmûʼēl) è un personaggio della Bibbia ebraica e dell'Antico Testamento cristiano. La sua storia è raccontata nel primo dei libri di Samuele, che vengono tradizionalmente a lui attribuiti. Nella Bibbia viene presentato sia come profeta e sia come giudice in senso biblico. Il nome Samuele significa: "Dio ha ascoltato". Racconto biblico Samuele appartiene alla tribù di Efraim. Nel primo dei libri di... — | approfondisci »

Giaffa

Giaffa (in ebraico יָפוֹ, lingua ebraica standard Yafo, ebraico tiberiense Yāp̄ô; arabo يَافَا; spesso traslitterata anche come Jaffa, Japho, Joppa), è un'antica città situata in Israele. Località marittima situata pochi chilometri a sud di Tel Aviv, attualmente fa parte della municipalità di Tel Aviv-Yafo nel distretto di Tel Aviv, l'antico tell di Giaffa è ora situato in un parco nella parte sud-occidentale di Tel Aviv. Giaffa è il porto storico del Paese sul Mar Mediterraneo, citato nell... —

Amen

Amen è una parola ebraica: in ebraico tiberiense si scrive אמן (’Āmēn), in ebraico standard אמן (Amen), in arabo آمين (’Āmīn): è una dichiarazione o affermazione che si trova nell'ebraico biblico e nel Corano. È sempre stata usata nel giudaismo, e da lì è stata adottata nella liturgia cristiana come formula conclusiva per preghiere e inni. L'avverbio ebraico אמן ámén significa soprattutto "certamente... — | approfondisci »

Urim e Tummim

Urim e Tummim (in ebraico Urim VeTumim, אורים ותמים, in ebraico tiberiense ʾÛrîm wəṮummîm, in ebraico standard אורים ותומים Urim vəTummim; in arabo اوريم وتميم Ūrīm wa-Ṯummīm), parole trascritte a volta anche in forme leggermente diverse (per esempio Thummim o Thummin) e solitamente tradotte come luci e perfezioni o rivelazione e verità, designavano uno strumento o una tecnica divinatoria usata dagli antichi ebrei (specialmente israeliti) per interpretare il volere di Dio. La natura esatta di... — | approfondisci »

Susanna (Bibbia)

AlloriSusanna.jpg

La storia di Susanna or Shoshana (שׁוֹשַׁנָּה, Ebraico Šošanna, Ebraico tiberiense Šôšannāh: Egiziano giglio) fa parte del libro di Daniele al capitolo XIII, considerato deuterocanonico da cattolici ed ortodossi e apocrifo dai protestanti. Gli ebrei accettano il capitolo come racconto morale, ma non come parte del Tanakh, sebbene i primi dodici capitoli siano considerati parte degli Scritti, o Ketuvim, cioè la terza ed ultima parte del Tanakh. Il racconto biblico Susanna, bella e pia ragazza... — | approfondisci »

Satana

William Blake 007.jpg

Satana [sà-ta-na] (שָׂטָן Ebraico Satan, Σατανᾶς Lingua Greca Satanâs, Latino Sátanas, Ebraico tiberiense '; Aramaicoשִׂטְנָא'; '': "Avversario"; "accusatore") è un angelo, demone, o divinità minore in molte religioni; in particolare, nelle religioni monoteiste derivate da quella giudaica, è l'incarnazione e la personificazione del principio del male supremo, in contrapposizione a Dio, principio del sommo bene. Satana è anche noto come il Diavolo (dal latino Diábolus, -i e dal greco antico... — | approfondisci »

Lod (Israele)

Lod (ebraico:לוֹד; arabo: تَلْ أَبِيبْ يَافَا اَلْلُدّْ al-Ludd; greco e latino: Lydda, ebraico tiberiense: לֹד, Lōḏ; in italiano: Lidda) è una città del distretto centrale di Israele, con una popolazione di 66.600 abitanti . Antica città di origine greco-romana, Lod è oggi un centro nei pressi dell'Aeroporto Internazionale Ben Gurion, già noto come Aeroporto di Lod; è anche il più grande nodo ferroviario del paese. Storia La Lod moderna è costruita sopra l'antica colonia greca di Lydda. È... —

Giudea (romana)

First century palestine.gif

La Giudea (Ebraico: יהודה, standard Yehuda, tiberiense '; Greco: Ιουδαία; Latino: Iudaea) era una prefettura della provincia di Siria che si estendeva sulla Giudea, l'attuale Palestina. La capitale era Cesarea Marittima. La Giudea venne annessa come prefettura alla provincia di Siria nel 6, quindi ebbe una breve parentesi di autonomia dal 41 al 44, sotto il regno di Erode Agrippa I Nel 66-70 scoppiò la prima grande rivolta giudaica, soppressa nel sangue da Tito. Nel 135, in seguito alla terza... — | approfondisci »

Tiberiade

Tiberias_israel_night_byBantosh.JPG

una forma scritta delle vocalizzazioni dell'antico ebraico, ancora oggi utilizzata nel Giudaismo e nota come ebraico tiberiense, raffinata da Aaron ben Moses ben Asher. A seguito delle Crociate, Tiberiade divenne la città principale del Principato di Galilea, compreso nel Regno di Gerusalemme, tanto che si parla anche di "Principato di Tiberiade". Saladino assediò la città durante la sua invasione del Regno, nel 1187 e nell'ottobre dello stesso anno sconfisse l'esercito crociato nella Battaglia... —