Donazione Di Pipino

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Ducato romano

ByzantineEmpire717+extrainfo+themes.PNG

dichiara autonomo semplicemente aderendo ad un sistema giuridico e legislativo (a quell'epoca ancora non distinto da quello religioso). La donazione di Pipino Con l'ascesa di Astolfo al titolo di Re d'Italia e dei Longobardi i germani ripresero una politica espansionistica ai danni dei "romani" (intesi come la somma di latini e bizantini). Nel 751 Astolfo conquistò l'Istria e Ravenna insediandosi nella sede dell'esarcato e acquisendo i titoli palatini connessi. Le minacce di re Astolfo raggiunsero... — | approfondisci »

Promissio Carisiaca

La donacion de Pipino el Breve al Papa Esteban II.jpg

La Promissio Carisiaca (nota anche come Donatio Carisiaca, donazione di Pipino, trattato di Quierzy o donazione di Quierzy) sarebbe stato un atto (testimoniato da alcune fonti, ma la cui esistenza è incerta) con il quale Pipino il Breve nel 754 avrebbe promesso a papa Stefano II la restituzione delle terre strappate alla Chiesa dal re longobardo Astolfo. Il territorio in questione corrispondeva per lo più all'Esarcato e alla Pentapoli bizantine, oltre ad alcune terre della Chiesa, ma... — | approfondisci »

Patrimonio di san Pietro

Con il termine patrimonio di san Pietro si intende nella storiografia: • Patrimonium Petri o Patrimonium Urbis, il sistema di latifondi nell'Esarcato d'Italia gestiti dalla diocesi di Roma. • Patrimonium Sancti Petri, il territorio ceduto al Papa da Liutprando (donazione di Sutri) e quindi il primo nucleo dello Stato Pontificio (donazione di Pipino) • Patrimonio di San Pietro (provincia pontificia) o Tuscia suburbicaria, una divisione amministrativa istituita da Innocenzo III a nord di Roma. ... —

Rambouillet

Rambouillet è un comune francese di 24.758 abitanti situato nel dipartimento degli Yvelines nella regione dell'Île-de-France. I suoi abitanti si chiamano Rambolitains. Storia La prima menzione dell'esistenza del villaggio di Rambouillet risale al 768, quando figura nella donazione della Foresta di Yveline fatta da Pipino il Breve alla Basilica di Saint-Denis sotto il nome di Rambolitum. Nel 1784 il re Luigi XVI acquistò la tenuta di Rambouillet per far costruire per la regina una latteria nel... — | approfondisci »

Massa Trabaria

il corso del fiume Metauro nelle Marche e il fiume Marecchia in Romagna. Cenni storici Nel medioevo e specialmente in epoca longobarda, la zona fu ricca di monasteri ed abbazie benedettine. Pipino la donò alla Chiesa, donazione in seguito confermata da Carlo Magno. Fu poi teatro di sanguinose guerre e battaglie per il suo possesso tra i Brancaleoni, i della Faggiola, i conti di Carpegna, i Malatesta, i Feltreschi. Leone X pose fine praticamente alle guerre che la travagliavano, smembrandola... — | approfondisci »

Monastero di Santa Croce del Corvo

Il monastero di Santa Croce del Corvo è un complesso religioso della frazione ligure di Bocca di Magra nel comune di Ameglia, nella val di Magra in provincia della Spezia. Cenni storici e descrizione Sito nella frazione di Bocca di Magra, il primitivo monastero fu fondato sul promontorio di Santa Croce nel 1176 dal vescovo Pipino della diocesi di Luni grazie alla donazione il 2 giugno del terreno ("32 giove di terra") ad un monaco ("monacho de Corvo"). Secondo però le fonti storiche già... — | approfondisci »

Pentapoli bizantina

La Pentapoli della costa Adriatica.png

quindi il nome di "Pentapoli Marittima", articolata come l'antico distretto, sulla costa adriatica ed entrambe riunite nel Ducato delle Due Pentapoli. Entrambe le province, nonché l'Esarcato, conquistate prima dai Longobardi, poi da Pipino il Breve, re dei Franchi dal 751 al 768, passarono con la donazione di quest'ultimo al pontefice Stefano II (752-757), al nascente Stato della Chiesa. Voci correlate ... — | approfondisci »

Carlo Magno

P nobile sala3 05.jpg

militari. Campagna contro i musulmani di al-Andalus Carlo cercò di riconquistare agli arabi di al-Andalus almeno una parte della Spagna, al fine di realizzare un disegno "imperiale" di antica concezione, già carezzato da suo nonno Carlo Martello dopo la sua vittoria di Poitiers, e da suo padre Pipino con un primo riconoscimento concesso al Papa della cosiddetta Donazione di Costantino, (rivelata, secoli più tardi, come un falso storico grazie agli umanisti Niccolò Cusano e Lorenzo Valla) grazie alla... — | approfondisci »

  • Nome: Carlo
  • Data Di Nascita: 2 aprile 742
  • Inoltre: detto Magno, o Carlomagno, in tedesco Karl der Große, in francese Charlemagne, in latino Carolus Magnus fu re dei Franchi e dei Longobardi e imperatore del Sacro Romano Impero

Pipino il Breve

Venne incoronato re dei Franchi dal Papa che, minacciato dall'avanzata dei Longobardi, ne aveva ottenuto la protezione e ricambiò l'aiuto ricevuto da Pipino il Breve con un'incoronazione formalmente illegittima. Maggiordomo di palazzo Carlo Martello, grazie al consolidamento del prestigio dei Pipinidi e al crollo parallelo e definitivo della reputazione dei re Merovingi, spartì il regno fra i suoi figli, come se davvero fosse lui a regnare: assegnò Austrasia, Svevia e Turingia al... — | approfondisci »

  • Nome: Pipino III
  • Data Di Nascita: 28 novembre 714
  • Luogo Di Nascita: Jupille
  • Inoltre: fu maggiordomo di palazzo di Neustria (741-751) e d'Austrasia (747-751), poi re dei Franchi (751-768). Figlio di Carlo Martello e Rotrude di Trèves, fu padre di Carlomanno I e Carlo Magno

Regno franco

Franks expansion.gif

riconoscimento a re dei Franchi, avviando un'alleanza con la Chiesa di Roma che si vide riconosciuta la falsa Donazione di Costantino, legittimando così il proprio potere temporale. Pipino era succeduto al proprio padre, Carlo Martello, come Maggiordomo di Palazzo di un regno franco riunito e riedificato, che comprendeva le parti prima indipendenti. Pipino fu un re eletto. Anche se ciò accadeva non di frequente, una regola generale della legge germanica era che il re si affidava al sostegno dei capi... — | approfondisci »

Diocesi di Roma

Roma-san giovanni03.jpg

fondiarie della Chiesa romana, poi, nel 728 dalla costituzione del primo nucleo degli Stati della Chiesa, attraverso la donazione di Sutri da parte del Re dei Longobardi Liutprando. Con la definitiva scomparsa del controllo imperiale, la diocesi di Roma estese il proprio potere sull'intero Lazio e su molte altre terre limitrofe grazie ad una nuova donazione, questa volta del Re dei Franchi Pipino: con la Promissio Carisiaca il sovrano concedeva il potere su tutti gli territori già appartenuti all... — | approfondisci »