Distruzione Di Troia

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Dialetto miceneo

ipotizzare, data questa fondamentale prova indiziaria, la presenza di una poesia di corte epico-celebrativa, nei palazzi micenei dell'età del bronzo. Ciò implicherebbe che per lo meno i racconti epici relativi alla duplice distruzione di Troia risalgano, nel loro nucleo originario, alla cultura dei Micenei. Quale forma avessero i canti epici micenei, non è però dato sapere con certezza. Si possono tuttavia fare alcune congetture. Un'ipotesi non priva di plausibilità è che i membri ritmici che poi... — | approfondisci »

Nostoi

GiorcesBardo54.jpg

Nostoi, Νόστοι, Ritorni, erano denominati i poemi greci del ciclo epico che descrivevano il ritorno dei greci in patria dopo la distruzione di Troia. Opere Il νόστος più importante pervenutoci integralmente può essere considerato l'Odissea di Omero . Un'altra opera, analoga per materia, era i Nostoi, attribuita da alcuni autori allo stesso Omero, da altri a Eumelo di Corinto o ad Agia di Trezene, l'autore più accreditato . La parte della storia raccontata dai Nostoi cronologicamente viene... — | approfondisci »

Alessandra di Licofrone

Hector Cassandra Pomarici Santomasi.jpg

L'Alessandra di Licofrone, (in greco ), è un poema drammatico in trimetri giambici che narra le profezie della figlia di Priamo, Alessandra, (Cassandra, ) , sulla distruzione di Troia e sulle sue conseguenze. Il lessico di Suda ha attribuito l'opera al poeta della Pleiade Licofrone di Calcide facendola risalire al III secolo a.C. Licofrone Licòfrone di Calcide, , era un poeta greco probabilmente vissuto tra il IV e il III secolo a.C.. Le scarne notizie su di lui risalgono al Lessico di Suda... — | approfondisci »

Troades

Troades è una tragedia di Seneca, di modello euripideo, ispirata a Le Troiane. Trama Narra le vicende, dopo la distruzione della città di Troia, di Polissena e Astianatte. Pirro vuole uccidere Polissena. Achille, padre di Pirro, aveva infatti chiesto il sacrificio della fanciulla nel caso fosse morto per avere il sangue di lei unito alle sue ceneri. Nonostante l'opposizione di Agamennone riesce nel suo intento. Ulisse invece vuole uccidere Astianatte, figlio di Ettore e Andromaca, per timore... — | approfondisci »

Eroe Elimo

L'Eroe Elimo è una scultura bronzea post-moderna, realizzata dallo scultore polacco Igor Mitoraj nel 2007 per la città di Palermo. La scultura, di ispirazione greca, mostro il corpo incompleto (mancano gli arti e la parte superiore della esta) di un soldato Elimo, popolazione che sarebbe approdata in Sicilia nel 1183 a.C. dopo la distruzione di Troia. Davanti al corpo è posto uno scudo con al centro una testa di Gorgone. ... — | approfondisci »

Agia di Trezene

Non si hanno notizie sulla sua vita mentre della sua opera i Nostoi, Νόστοι, un poema epico in cinque volumi, ci sono pervenuti pochi frammenti. I Nostoi, Ritorni, appartenenti al ciclo troiano narravano le vicende dei greci durante il loro ritorno in patria dopo la distruzione di Troia. Anche l'attribuzione dei Nostoi non è certa, alcuni autori, infatti, l'attribuiscono allo stesso Omero . È verosimile che Licofrone abbia conosciuto i Nostoi e ne abbia anche tratto elementi per la sua... — | approfondisci »

  • Nome: Agia di Trezene
  • Nazionalità: greco antico
  • Attività: poeta
  • Inoltre:  del VII secolo a.C.

Re latini

I Re Latini o Re Latini di Alba Longa è una serie di leggendari re del Lazio e Alba Longa che, nella mitologia romana, colmano il vuoto fra Enea e la fondazione di Roma da parte di Romolo e Remo. Ascanio, il secondo della lista, fondò Alba Longa intorno al XII secolo a.C., qualche tempo dopo la distruzione di Troia, che secondo gli autori antichi si situava nell'anno 1184 a.C. Lista Secondo la versione di Tito Livio e Dionigi di Alicarnasso questa è la lista dei re Latini: • Enea • Ascanio... — | approfondisci »

Antenore

, Antenore tradì i Troiani, consegnando ad Ulisse e Diomede il Palladio, talismano della invincibilità troiana, avendo in cambio salva la vita per sé e la propria famiglia. Dopo la distruzione di Troia, Antenore raggiunse il nord Italia (infatti è considerato il capostipite dei Veneti). Secondo Tito Livio, invece, Antenore ottenne la libertà dagli Achei grazie al ruolo moderato che avrebbe svolto durante la guerra, e arrivato nel Veneto fondò Padova, che fu chiamata Antenorea. Qui sorgerebbe la sua... — | approfondisci »

Troia

Plan Troy-Hisarlik-en.svg

Troia (in greco o e in latino Trōia o Īlium) è un'antica città dell'Asia Minore all'entrata dell'Ellesponto, in Turchia. Fu teatro della guerra di Troia narrata nell Iliade, che descrive una breve parte dell'assedio (prevalentemente tratta di due mesi del nono anno dell'assedio, secondo la cronologia proposta da Omero), mentre alcune scene della sua distruzione sono raccontate nell'Odissea. Della guerra di Troia si canta in molti poemi epici greci, romani e anche medioevali. Altri poemi... — | approfondisci »

Jean Colombe

Tres Riches Heures Jean de Colombe true Cross.jpg

' Apocalisse dell'Escorial. Da questo manoscritto gli storici rintracciarono gli archivi relativi a casa Savoia inclusi i pagamenti effettuati durante il Quattrocento. Dopo il 1490, l'artista si trasferì a Bourges, dove realizzò il Romuleon (ca.1490), e la Storia della distruzione di Troia (ca. 1500), opere miniate commissionate da dignitari francesi. In queste opere tarde apparve evidente l'influenza di Fouquet, così come l'aiuto apportato dal figlio François. Dopo una prima fase giovanile improntata ad... —

  • Nome: Jean Colombe
  • Nazionalità: francese
  • Data Di Nascita: 1430
  • Luogo Di Nascita: Bourges
  • Attività: pittore
  • Inoltre: , principalmente noto come miniaturista

XXVI secolo a.C.

° faraone - IV Dinastia • c. 2547 a.C. - Userib (Chefren) 24° faraone - IV Dinastia • c. 2521 a.C. - Baka (Egitto) presunto 25° faraone? - IV Dinastia • c. 2514 a.C. - Kakhet (Micerino) 26° faraone - IV Dinastia Grecia e Asia minore • c. 2600 a.C. - Periodo di Troia II, fino al 2250 a.C. - distruzione di Troia per un incendio- Piccola città con mura caratterizzate da porte enormi, presenza del megaron (palazzo reale) e case in mattoni crudi che recano segni di distruzione da incendio, che Schliemann... — | approfondisci »

Aequum Tuticum

Tabula_Peutingeriana_detail_of_Aequum_Tuticum.jpg

"Aequum Tuticum" significa "campo" o "pianura grande"; "valle sede del Touto" - il centro sannita dove si amministrava la giustizia - secondo altri. Storia Fondazione Il mito Lo storico Servio, durante il regno dell'imperatore Onorio (393-423), narra delle origini leggendarie di Aequum Tuticum, che sarebbe stata fondata da Diomede, sbarcato sulle coste del Gargano dopo la distruzione di Troia, e che avrebbe poi fondando in seguito Maleventum (l'attuale Benevento) e Troia (in Puglia). Della stessa... — | approfondisci »