Baia Di Assab

Documenti, citazioni, libri e foto dal mondo Wiki

Giuseppe Sapeto

Come aderente all'Ordine di san Lazzaro mendicante, percorse le rive del Mar Rosso e fu uno dei fautori dell'espansionismo coloniale italiano. Nel 1837 si stabilì ad Adua e scrisse alcune opere sull'Eritrea e l'Abissinia. Successivamente insegnò la lingua araba a Parigi, Firenze e Genova. Nel novembre del 1869, ritornato in Africa, acquistò per conto della compagnia di navigazione di Raffaele Rubattino, la baia di Assab. La città di Genova gli ha intitolato una via nel quartiere di San... — | approfondisci »

  • Nome: Giuseppe Sapeto
  • Data Di Nascita: 27 aprile 1811
  • Luogo Di Nascita: Carcare
  • Inoltre: è stato un missionario ed esploratore italiano

Cronologia del colonialismo italiano

Colonie italiane.jpg

Cronologia del colonialismo italiano. 1869 • 2 ottobre, Il governo guidato da Luigi Federico Menabrea stipula un trattato segreto per comprare un terreno o una baia o una rada sulle coste dell'Africa o dell'Asia per far nascere il colonialismo italiano. • 15 novembre, Acquisto della Baia di Assab in Eritrea da parte della società Rubattino di Genova. 1870 • febbraio, Giuseppe Sapeto diventa agente commerciale della società genovese Rubattino ad Assab. • 13 marzo, la bandiera italiana viene... — | approfondisci »

Giuseppe Maria Giulietti

diretta da Raimondo Franchetti fu chiamato "lago Giulietti". Dopo che l'Etiopia ha conquistato l'indipendenza, il lago è stato ribattezzato "Afrerà". Le sue spoglie furono rinvenute dallo stesso Franchetti nel 1929 e ritornarono i Italia nello stesso anno. Nel 1879 l'armatore genovese Raffaele Rubattino sfruttò l'amicizia del Giulietti con l'allora ministro degli esteri Agostino Depretis per convincerlo che era nel miglior interesse dell'Italia appropriarsi della baia di Assab. Le Memorie di... — | approfondisci »

  • Nome: Giuseppe Maria Giulietti
  • Nazionalità: italiano
  • Data Di Nascita: 28 dicembre 1847
  • Luogo Di Nascita: Casteggio
  • Attività: geografo

Stefanio Fedeli

'accesa passione per il volo. Negli anni trenta effettuerà con Balbo la trasvolata atlantica Roma-Chicago. Nel 1935 combatterà in Etiopia con il grado di Tenente Colonnello. Nel 1937 rientrerà in Italia e come colonnello sarà posto a comando della base aerea di Aviano. In questo periodo avrà rapporti amichevoli con Amedeo di Savoia Duca d'Aosta, amicizia che porterà avanti fino al 1941. Allo scoppio della guerra il colonnello Fedeli si trovava già in Africa, nella baia di Assab, comandante di una base... — | approfondisci »

  • Nome: Stefanio Fedeli
  • Nazionalità: italiano
  • Data Di Nascita: 1895
  • Luogo Di Nascita: Asti
  • Attività: ufficiale
  • Inoltre: , Generale di Squadra Aerea dell'Aeronautica Militare Italiana

Guerra di Abissinia

Guerra di Abissinia è il nome con cui viene usualmente indicato il tentativo italiano, avvenuto a fine '800, di espandersi dalla costa eritrea all'intera Abissinia (nome allora in uso per indicare l'attuale stato d'Etiopia). Le premesse L'inizio della penetrazione italiana in Africa Orientale data al novembre 1869, per opera del padre lazzarista Giuseppe Sapeto; il religioso, per conto della società di navigazione Rubattino di Genova, avviò le trattative per l'acquisto della Baia di Assab... — | approfondisci »

Raffaele Rubattino

da parte di Rubattino della prima base coloniale italiana. Per fornire uno scalo per i rifornimenti di carbone per le sue navi, nel 1869 acquistò la baia di Assab. Il contributo all'espansione coloniale Dopo l'apertura del canale di Suez (avvenuta nel 1869), Rubattino ampliò ulteriormente i suoi interessi commerciali, estendendoli fino all'Abissinia. Attraverso il missionario-esploratore Giuseppe Sapeto la sua compagnia acquistò nel 1869 la Baia di Assab in Eritrea, che successivamente fu... —

  • Nome: Raffaele Rubattino
  • Nazionalità: italiano
  • Data Di Nascita: 10 ottobre 1810
  • Luogo Di Nascita: Genova
  • Attività: imprenditore

Ettore Fieramosca (pirofregata)

idrografici nella baia di Assab. Nel settembre 1881, sotto il comando di Giovanni Caramagna, contribuì a contrastare il commercio degli schiavi ad Assab. Riuscì ad arrestare sei capi danakili sospetti di essere autori dell’eccidio della spedizione. Al Caramagna successe Filippo Cobianchi che compì altri notevoli incarichi e nel 1883 ricondusse la nave in Patria. La quale fu radiata nello stesso anno e destinata a Scuola dei mozzi specialisti nel porto di Napoli. Il nome passò in seguito a un Ariete... —

Colonia Eritrea

Tallero d'Eritrea 129421.jpg

il padre lazzarista Giuseppe Sapeto che, per conto della società di navigazione Rubattino di Genova, avviò le trattative per la cessione della Baia di Assab al Governo italiano. È il primo atto della presenza ufficiale italiana nel continente africano. Nel 1869 fu siglato con il Sultano locale l'accordo per l'acquisizione da parte dell'armatore Raffaele Rubattino della baia, allo scopo di farne un porto di servizio alle sue navi. Il governo egiziano contestò tale acquisizione e rivendicò il... — | approfondisci »

Colonialismo italiano

Italian_empire_1940.PNG

, anche se alcuni governi precedenti avevano appoggiato, sebbene non in maniera pubblica, alcune iniziative private, come l'acquisizione della baia di Assab da parte della Rubattino. Nel corso degli anni Ottanta del secolo XIX vi furono almeno tre tentativi ufficiali del governo italiano per l'acquisizione di un porto nel Mar Rosso il quale potesse fungere da base verso un futuro impero coloniale in Asia o in Africa. Difatti in quegli anni l'Italia guardava con un certo appetito ai pochi territori... — | approfondisci »

Storia dell'Eritrea

i tentativi erano ormai falliti e come conseguenza gli ottomani ottennero il controllo dei porti di Massawa e Hergigo e dei territori circostanti. Il dominio ottomano sulle regioni costiere dell'Eritrea durò per trecento anni e venne ereditato dagli Egiziani che lo perdettero a loro volta in favore dei colonizzatori italiani nel 1885. Epoca coloniale Il sacerdote cattolico italiano Giuseppe Sapeto acquistò nel 1869 la Baia di Assab dal sultanato di Afar per conto della compagnia di navigazione... — | approfondisci »

Eritrea

Eritrea regions numbered.png

accordo per cui gli egiziani poterono ritirarsi attraverso l'Etiopia e nello scambio permisero che l'imperatore dell'Etiopia occupasse quei distretti della pianura che aveva disputato ai turchi e agli egiziani. Periodo coloniale italiano L'inizio dell'occupazione si ebbe nel novembre 1879 con il padre lazzarista Giuseppe Sapeto che, per conto della società di navigazione Rubattino di Genova, avviò le trattative per la cessione della Baia di Assab al Governo italiano. È il primo atto della presenza... — | approfondisci »

Corno d'Africa

Africa-countries-horn.png

avendo sbocchi sul mare, si salvò dall'espansionismo coloniale europeo, pur perdendo importanti territori e trovandosi circondata da inglesi e francesi. Infatti, il territorio dell'odierno Gibuti fu preso dalla Francia, mentre la Somalia settentrionale passò alla Gran Bretagna. La colonizzazione italiana Nel 1870, intanto, il neonato Regno d'Italia acquisì la baia della città portuale di Assab, oggi eritrea, formandone il primo nucleo coloniale italiano. In seguito a fine anni Ottanta del XIX secolo... — | approfondisci »